Il presidente Palumbo: “Domenica indimenticabile, grazie ragazzi!”

0
429

Il presidente del Miwa Energia Benevento Rosario Palumbo esprime tutta la sua gioia per una giornata che resterà tra gli annali della palla ovale a righe bianche e celesti. “Si sono conclusi 2 campionati con soddisfazioni enormi per i nostri colori- queste le parole di Palumbo- e con 2 obiettivi centrati. L’Under 16 ha migliorato il piazzamento dello scorso anno ed ha centrato la permanenza nel campionato Elite. Fare meglio dell’anno passato è già difficile per chiunque ma per noi lo era ancora di più visto che siamo partiti con un gruppo praticamente nuovo. Abbiamo pagato un inizio particolarmente difficile soprattutto nelle prime 3 giornate altrimenti sono convinto che avremmo addirittura fatto le finali nazionali. Nonostante questo io sono soddisfattissimo di quello che hanno dato in campo i ragazzi, per l’amore che hanno dimostrato per i colori che indossano e l’appartenenza alla società”. Stesso discorso per i ragazzi dell’Under 20: “Siamo partiti- ha detto Rosario Palumbo- con appena 7 persone. Devo ringraziare Francesco Furno e Giuseppe Porcaro perché sono riusciti a portare sul campo oltre 35 ragazzi e, nonostante un inizio difficile, oggi siamo qui a festeggiare una vittoria ma soprattutto un grande traguardo: ritornare a vincere dopo anni di stallo. Tutto questo – ha aggiunto- ci deve inorgoglire perché il movimento giovanile della società che guido sta crescendo tantissimo e nuovi altri traguardi ci attendono. Mi auguro ora che l’Under 20 centri la promozione nel gruppo 1 e ritorni nel rugby che conta. Il mio infinito grazie va, in conclusione di una domenica indimenticabile, anche ai ragazzi della 1.a squadra che hanno ottenuto una vittoria importantissima in chiave play off in quel di Segni. Si è sempre detto che il lavoro prima o poi paga e mai frase fu più vera in un momento così magico per noi. Per questo ringrazio i dirigenti delle 2 formazioni, i tecnici, ma soprattutto il coordinatore tecnico Antonio Fragnito per il lavoro svolto in questa stagione e per tutto quello che viene fatto quotidianamente da tutti loro e soprattutto perché riescono letteralmente a coccolare questi ragazzi e a farli sentire uniti sotto la bandiera del rugby e anche quella biancoceleste!”.